protocollo covid-19 nei cantieri

Fase 3, regole sulla sicurezza nei cantieri.

La sicurezza nei cantieri con il passaggio alla fase 3 pone la necessità della convivenza con il coronavirus.

Questo fase impone regole e procedure di comportamento e sicurezza nei cantieri pubblici e privati..

I primi a riprendere sono parsi i cantieri nelle carceri, nelle scuole, negli alloggi pubblici e quelli che rientrano nel piano sul dissesto idrogeologico, nei giorni del 27 aprile, mentre dal 4 maggio tutti gli altri, pubblici e privati.

A seguito di una fase di preparazione di una settimana, come indicato  dal Dpcm del 26 aprile sulla fase 2,  la ripresa dei lavori i cantieri passa dal rispetto di un Protocollo per il contenimento del virus Covid-19.

Il protocollo é previsto tra il governo e Anci, Upi, Anas, Rfi, Ance, Alleanza delle Cooperative, e i sindacati Cgil, Cisl e Uil.

Fase3 quali sono le regole per la sicurezza nei cantieri

Tutte le imprese devono attenersi a quanto indicato  dalle regole da rispettare negli ambienti di lavoro, siglato il 24 aprile 2020 fra il Governo e parti sociali.

Le misure sono vincolanti  per i titolari del cantiere e si estendono a tutti i subappaltatori e subfornitori sul luogo di lavoro. Ecco come si lavora nei cantieri in questa fase di convivenza con il coronavirus.

Stop lavori se mancano i Dpi

Le imprese dovranno fornire, oltre al gel disinfettante, le mascherine obbligatorie se è impossibile rispettare la distanza di sicurezza e guanti, occhiali, tute, cuffie.

In assenza di dpi i lavori saranno sospesi, per il tempo necessario a reperire questi dispositivi.

L’accesso ai cantieri: come funziona

Tra le misure del protocollo, la misurazione della temperatura prima dell’accesso al cantiere: l’ingresso non sarà permesso con più di 37,5 gradi.

Debbono essere rispettate tutte le raccomandazioni di carattere generale per il contenimento del contagio: la distanza di sicurezza di almeno un metro, gli strumenti di protezione individuale se il luogo di lavoro non permette di rispettare la distanza e comportamenti corretti sul piano dell’igiene.

Che accade se un lavoratore ha sintomi nel cantiere

Nel caso in cui una persona nel cantiere sviluppi febbre con temperatura superiore ai 37,5 gradi e sintomi di infezione respiratoria, lo deve dichiarare al datore di lavoro o al direttore di cantiere.

La persona sarà  isolata in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria. Il datore di lavoro deve collaborare con le Autorità sanitarie per l’individuazione dei  “contatti stretti” di una persona presente in cantiere trovata positiva.

Related Posts

Leave A Reply